IDENTITÀ SAMMARINESE. PRESENTAZIONE X EDIZIONE DELL’ANNUARIO 2018 DELLA SOCIETA’ CULTURALE DANTE ALIGHIERI DI SAN MARINO

Lunedì 10 dicembre 2018 il volume, da sempre un’occasione di studium civico per la Repubblica, verrà presentato alla Cittadinanza
Lunedì 10 dicembre p.v., alle ore 18, presso la Sala Conferenze Cassa di Risparmio in Palazzo SUMS, Via G. B. Belluzzi 1 – San Marino, avrà luogo la presentazione alla Cittadinanza dell’Annuario Culturale della Società Dante Alighieri di San Marino dal titolo “Identità Sammarinese – Riflessioni sulla libertà e la democrazia, fra politica, storia e cultura”, quest’anno a cura del dott. Antonio Morri.
“Identità sammarinese”, giunto alla sua decima edizione, è una delle pubblicazioni più prestigiose fra le proposte editoriali locali, nonché un formidabile crocevia intellettuale per la vita culturale e civica del Paese.
Il volume di quest’anno, realizzato dalla commissione presieduta da Luigi Lonfernini, è stato curato da Paola Masi, che ha coordinato gli autori intervenuti e ne ha editato i testi. L’impaginazione è di Nadia Gualtieri – 3Studio, la stampa delle Arti Grafiche Sammarinese. Fondamentale, per la buona riuscita del progetto, il prezioso contributo della Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino e della Società Unione Mutuo Soccorso.
L’annuario, che presto sarà disponibile in tutte le edicole e le librerie del Paese, raccoglie numerosi saggi di interesse letterario, storico, memoriale, giurisprudenziale e scientifico, molti dei quali volti a svelare e aspetti, vicende o personaggi poco noti della storia e della realtà della nostra Repubblica. Gli autori che si sono prodigati con i loro contributi per la realizzazione del volume sono Federica Bigi, Federico Bigi, Paola Bigi, Verter Casali, William Casali, Valeria Ciavatta, Patrizia Di Luca, Gabriele Gasperoni, Michele Ghiotti, Luigi Lonfernini, Valeria Martini, Francesca Michelotti, Paolo Mieli, Alessandro Mularoni, Maria Lea Pedini, Carlo Romeo, Daniela Rotondaro, Aida Maria Adele Selva, Ercole Sori e Gino Zani.